fbpx

malattie dell'occhio che portano alla cecità

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità), la IAPB (Agenzia internazionale per la prevenzione della cecità) ed altre importanti organizzazioni scientifiche concordano nell’affermare che, nell’85% dei casi, è possibile prevenire la cecità. A dimostrazione di una sensibilità sempre maggiore degli enti preposti, i programmi mirati si moltiplicano a livello globale. Tra essi, il progetto V2020, denominato The Right to Sight (Diritto alla vista) si prefigge di intervenire sulla cecità evitabile entro l’anno 2020; il segnale più chiaro di una presa di coscienza collettiva che ci deve indurre alla riflessione. E noi, cosa stiamo facendo per la salute della nostra vista? Il primo passo per una prevenzione consapevole è conoscere quali sono le malattie dell’occhio che portano alla cecità.

Le principali fonti di rischio

Dati alla mano, la cataratta è la causa principale di cecità. È una malattia dell’occhio che danneggia il cristallino rendendolo opaco ed incapace di focalizzare l’immagine sulla retina. Sempre secondo le statistiche dell’AMD, le altre due maggiori cause di cecità sono la degenerazione maculare legata all’età (41% dei casi) e il glaucoma (16%). Anche in questo caso, la prevenzione riveste un ruolo fondamentale in quanto, se condotta con logica e rigore scientifico, può ridurre in maniera rilevante gli effetti sulla vista in particolar modo in quelli di origine genetica o connaturata. Impresse nello sguardo di tutti coloro che ritengono la vista il bene più prezioso, le performance musicali del chitarrista canadese Jeff Healey, affetto dalla nascita da retinoblastoma.

malattie dell'occhio che portano alla cecità

La trombosi retinica e il diabete

Grazie anche agli studi dello scienziato americano George Wald, antesignano delle teorie sulle cellule fotorecettrici, la comunità scientifica internazionale ha potuto individuare altre cause fatali che conducono la vista ad un progressivo ed inesorabile declino. La trombosi retinica, ad esempio, è una sorta di ictus che ne occlude l’afflusso di sangue con conseguenze permanenti. Non meno importante ed altrettanto dannoso è il diabete; a livello fisiologico, le cause sono le stesse ma quest’ultimo incide su entrambi gli occhi con risvolti irreversibili. Troppo spesso, specialmente in questi casi, la superficialità e l’indolenza dell’interessato sono fatali per lo stato di salute della vista. Un’informazione costante e capillare può risolvere l’insorgere di numerose patologie.

PRENOTA LA PRIMA VISITA SENZA IMPEGNO

Altre cause delle perdita della vista

Tra le altre cause della perdita della vista vi sono la cecità corticale e il nervo ottico danneggiato da cause patologiche o traumatiche. In entrambi i casi, la cecità si manifesta a seguito di infarti, tumori o emorragie che colpiscono simultaneamente la corteccia cerebrale dei due emisferi.

Mai sottovalutare

Sottovalutare un sintomo è il primo errore da evitare per la salute della nostra vista e per quella di chi ci sta a cuore. Per fugare ogni ragionevole dubbio, una visita gratuita presso degli specialisti del settore è il minimo che il buon senso ci impone. Un atto dovuto al nostro amor proprio oltre che una dimostrazione di intelligenza e lungimiranza. La prevenzione non è mai troppa.

New Call-to-action