fbpx

La maggior parte dei bambini ha gli occhi blu grigi alla nascita. Ma, prima di conoscere il colore definitivo degli occhi di un neonato, sarà necessario attendere un po’ di tempo, vale a dire tra i 3 e i 9 mesi successivi. Il colore degli occhi del bambino cambierà gradualmente, per raggiungere la sua sfumatura finale. Ecco come evolve il colore degli occhi del bambino.

neonato

Colore occhi neonato: quando si definisce?

In mancanza di melanina, l’iride del bambino (la parte colorata degli occhi) mostra una tinta grigia / blu dalla nascita fino a circa 9 mesi. Nei primi mesi di vita è visibile solo lo strato profondo dell’iride, quello che dà il colore grigio blu a tutti i bambini. Per questo motivo, è quasi impossibile determinare il colore finale degli occhi di un bambino alla nascita. Col passare del tempo, la lipofuscina e la melanina invadono l’iride per donargli il suo vero colore. 

Il colore dell’occhio e l’intensità della tinta sono definiti dalla concentrazione di melanina: marrone, verde, blu, azzurro, blu scuro, ecc. La lipofuscina, invece, influenzerà le varianti come gli occhi blu piuttosto che gli occhi verdi. La maggior parte delle variazioni di colore si verificano intorno ai 3 mesi del bambino, ma il colore finale non apparirà fino a circa i 6/9 mesi. 

Per quanto riguarda la certezza degli occhi blu, è meglio aspettare fino ai 18 mesi per essere veramente sicuri. La tinta blu può spesso disegnare su grigio o verde.

È possibile conoscere in anticipo il colore degli occhi del bambino?

Il colore degli occhi dei genitori è un indicatore importante per determinare il possibile colore degli occhi del bambino, ma è quasi impossibile stabilirlo con certezza a priori. I geni familiari entrano in gioco per diverse generazioni, dobbiamo anche tenere conto dell’allele recessivo o dominante (forme alternative dello stesso gene che occupano la stessa posizione su cromosomi omologhi e che controllano variazioni dello stesso carattere)

Per capire meglio, supponiamo due genitori che hanno entrambi gli occhi marroni ma che geneticamente, nelle rispettive famiglie, è presente un parente con gli occhi blu. Qualunque cosa accada, l’allele “occhi marroni” sarà sempre dominante rispetto all’allele “occhi blu”, per questo motivo probabilmente anche il loro bambino avrà a sua volta degli occhi marroni. Tuttavia, questo stesso bambino rimane portatore dell’allele “occhi blu”, i suoi figli hanno quindi la possibilità di avere gli occhi blu. La genetica rimane in parte un grande mistero per tutti, un argomento molto complesso che è ancora oggetto di molte ricerche.

conoscere il colore degli occhi del bambino

Chi trasmette il colore degli occhi?

Il colore degli occhi affascina perché è unico, come le impronte digitali. Anche quando le persone hanno tonalità simili, la concentrazione del colore può essere significativamente diversa. 

Il colore degli occhi più comune è il marrone, per circa l’80% della popolazione mondiale. L’8-10% ha occhi blu, il 5% occhi nocciola e il 2% occhi verdi, il colore più raro. 

La parte colorata dell’occhio è l’iride, una struttura rotonda che controlla il diametro e le dimensioni della pupilla. L’iride contiene un pigmento, la melanina. Due fattori contribuiscono ad influenzare e determinare il colore degli occhi:

  • Informazioni genetiche dai genitori;
  • Il contenuto di pigmento nell’iride influenza la diffusione della luce mentre passa attraverso l’occhio.

Il colore degli occhi è il risultato di variazioni nella quantità di melanina che abbiamo.  La melanina è un pigmento marrone che si deposita sulla superficie anteriore dell’iride. Se è presente una piccola quantità, gli occhi saranno blu, una quantità media dà occhi verdi e una grande quantità produrrà occhi marroni fino al nero.

Alcuni hanno occhi di diversi colori, rappresentativi delle diverse varianti di melanina. Ad esempio, vediamo spesso gli occhi blu con un cerchio verde o marrone attorno alla pupilla. In questi occhi, la quantità di melanina è presente in diverse quantità nelle varie parti dell’iride.

Come funzionano i geni responsabili del colore degli occhi

Ogni cellula del tuo corpo ha 46 cromosomi, divisi in 23 coppie. Ogni coppia di cromosomi deriva dall’eredità di ciascun genitore trasmessa al momento del concepimento. I cromosomi sono costituiti in parte del DNA chiamato gene. Questi geni, che sono anche in coppia, determinano molte delle tue caratteristiche fisiche,16 di loro potrebbero avere un ruolo nel determinare il colore dei tuoi occhi.

I nostri geni istruiscono una cellula dell’iride a produrre una determinata quantità del pigmento nero chiamato melanina. Più melanina viene prodotta, più scuro è il colore dell’occhio. I geni che generano grandi quantità di melanina, determinando occhi scuri, sono dominanti sui geni che generano basse quantità di melanina, responsabili degli occhi blu. Quindi, quando erediti un gene “occhio bruno”, dominerà sul gene “occhio azzurro”.

Genetica del colore degli occhi

Il colore degli occhi può cambiare?

Hai notato che in alcune persone il colore degli occhi sembra cambiare a seconda della luce? Il motivo è che l’iride ha due strati. A volte ci sono pigmenti in entrambi. Nelle persone con occhi blu o verdi, in cui lo strato frontale ha poca melanina, a seconda della quantità di luce esterna, gli occhi sembreranno cambiare colore quando la luce raggiunge ogni strato.

I cambiamenti nella luce influenzano anche la dimensione della pupilla; si espande nel buio e si contrae in una luce forte. Quando la dimensione della pupilla cambia, i pigmenti dell’iride si contraggono o si espandono, dando l’impressione di un leggero cambiamento nel colore degli occhi. 

Il colore degli occhi può cambiare con l’età?

In un piccolo numero di persone, il colore degli occhi può cambiare con l’età, specialmente per quelli con un colore chiaro. L’esposizione al sole, a lungo andare, può rendere gli occhi più scuri, lo stesso effetto che si ha con la pelle che cambia colore sotto ai raggi del sole. Proteggere gli occhi con gli occhiali da sole, specialmente se trascorri molto tempo all’aperto, è essenziale.

Anche i neonati hanno bisogno di protezione, molto di più di qualsiasi adulto. Come abbiamo detto, poiché la produzione di melanina non inizia alla nascita, gli occhi dei neonati sono blu (per l’assenza totale di questa risorsa) e molto sensibili alle radiazioni solari, in quanto la melanina è la prima protezione solare naturale che viene prodotta dal corpo